By Shiitake

Lentinula Edodes Miracoloso fungo medicinale, afrodisiaco, considerato elisir di lunga vita.

  • 0 Recensioni
€ 34,90

  • colesterolo cattivo alto (ipercolesterolemia);
  • influenza, tosse e raffreddore;
  • epatite b;
  • candida;
  • carie dentaria;
  • cancro e deficit immunitario;
  • aids.


BYSHITAKE - Lo Shiitake è il fungo commestibile più consumato insieme allo Champignon.

Oltre all’aspetto culinario è un fungo, estremamente utile anche nel mondo della medicina naturale. In Oriente (Giappone, Cina, Corea,) il suo utilizzo risale a migliaia di anni fa, tant’è che in Cina veniva impiegato prima della coltivazione del riso.

Lo Shiitake, viene tutt’ora impiegato per trattare le patologie di natura virale, come l’herpes, l’influenza, il morbillo e la bronchite, nonché per trattare i disturbi del fegato.

Nell’antica corte reale giapponese veniva utilizzato anche come alimento afrodisiaco ed era considerato un elisir di lunga vita.

In Oriente (in particolare in Giappone), l’estratto di Shiitake (LEM) viene impiegato anche come aiuto integrativo ad alcuni tipi di Cancro, in quanto da diversi studi clinici è emersa la sua notevole azione immunostimolante ed antitumorale.

 Shiitake, dal giapponese “Shii” che significa quercia e da “Take”, che significa fungo, ad indicare che si tratta di una tipologia di fungo che cresce sui tronchi di questi alberi, anche su alberi morti, o morenti di castagni, faggi ed ontani, in zone ombreggiate, come boschi, o foreste e a ridosso di fiumi, ruscelli, o altre fonti d’acqua fresca.

Nome scientifico è Lentinus edodes che significa flessuoso e commestibile.

ProprietĂ  curative e benefici dello Shiitake

Grazie a numerosi studi scientifici, sappiamo con certezza che questo fungo può esserci d’aiuto nel curare e nel prevenire molti problemi di salute, grazie alla presenza di diversi principi attivi, che lavorano in sinergia tra loro.

Sali minerali: calcio, ferro, potassio e zinco;

Tutti gli aminoacidi essenziali ed i piĂą comuni non essenziali;

Provitamina D;

Vitamina B2 e B12;

Vitamina E;

Acidi grassi insaturi;

Eritadenina (responsabile delle proprietĂ  ipocolesterolemizzanti);

β-Glucani (polisaccaridi ad azione immunostimolante).

Patologie in cui si è riscontrata l’utilità di questo fungo:

- Colesterolo cattivo alto (ipercolesterolemia)

Lo Shiitake risulta essere uno dei funghi più attivi nel trattamento dell’ipercolesterolemia (colesterolo cattivo alto). Questo grazie alla presenza dell’eritadenina, una sostanza capace di accellerare l’escrezione del colesterolo ingerito, oltre ad aumentarne la metabolizzazione. L’effetto ipocolesterolemizzante del fungo è tale, che a 5 ore della sua assunzione, si può notare nel paziente un calo dei livelli del colesterolo del 30-40%. Va però detto che l’azione sembra essere nettamente più marcata nel giovane, piuttosto che nella persona anziana. Il motivo è la maggiore capacità intestinale di una persona giovane nell’assorbire l’eritadenina.

- Influenza, tosse e raffreddore

Un’altra caratteristica di questo fungo è quella di essere un ottimo rimedio antivirale ed immunostimolante. Viene impiegato soprattutto per la cura delle malattie di origine virale, come ad esempio la comune influenza, la tosse, il raffreddore, la bronchite, nonché l’herpes. Continuando la lettura, scoprirai che l’azione antivirale dello Shiitake non si limita a questo, ma è tale da essere rilevante anche in patologie più serie come l’epatite B e l’AIDS.

-      Epatite B

I polisaccaridi dello Shiitake, in studi clinici, si sono rivelati degli ottimi epatoprotettivi in un gruppo di 40 pazienti affetti da Epatite B cronica, una malattia trasmessa da trasfusioni di sangue, aghi non sterilizzati e contatto sessuale. In tutti questi pazienti l’assunzione dello Shiitake ha migliorato la funzione epatica e in 17 casi ha determinato la negativizzazione dell’antigene.

   - Candida

Lo Shiitake vanta un’ottima azione anti-fungina, tant’è che risulta essere uno dei funghi più attivi e più efficaci nell’eradicazione della Candida albicans.

-      Carie dentaria

 In diversi studi è stato osservato come lo Shiitake riesca ad essere efficace contro vari batteri, comprese alcune varietĂ  dello streptococcus normalmente presenti nella bocca. Riequilibrando la flora batterica locale, rafforza l’immunitĂ  del cavo orale, tiene lontano da infiammazione delle gengive e protegge lo smalto dei nostri denti e le ossa mascellari agevolando il dentista nel lavoro.

-      Cancro e deficit immunitario

 Grazie alla presenza del Beta-glucano Lentinano, lo Shiitake esplica una valida azione immunostimolante ed antitumorale. Per tale ragione l’estratto del fungo (LEM), viene ampiamente utilizzato in Giappone in sperimentazioni cliniche riguardanti vari tipi di Cancro, tra cui cancro allo stomaco, al colon e al retto. A causa dell’elevato peso molecolare del Lentinano, la sua biodisponibilitĂ  per via orale è molto limitata. Per questo motivo l’estratto va somministrato per via iniettiva (intravenosa, o intratumorale). Assunto in questo modo il Lentinano è in grado di stimolare l’attivitĂ  dei macrofagi e di inibire la crescita tumorale. Inoltre agisce attivando la secrezione di IL-1, che stimola a sua volta l’azione dei linfociti T e la sintesi di interferone, elementi deputati a riconoscere e a distruggere le sostanze potenzialmente dannose per il nostro organismo. Va detto che l’attivitĂ  immunostimolante dello Shiitake si esplica al meglio se vi è una buona funzionalitĂ  dell’asse ipofisi-surrene, un sistema nervoso attivo e un timo funzionante. Per questo motivo viene generalmente associato ad altri funghi con attivitĂ  immunostimolante piĂą generale, come ad esempio il Maitake.

-      AIDS

 Grazie alle sue proprietĂ  immunostimolanti, il fungo Shiitake può essere di grande aiuto anche ai soggetti affetti da AIDS. Da studi scientifici, risulta una certa attivitĂ  anti-HIV del terreno di coltura del micelio e della lignina idrosolubile di questo fungo23. Nello studio il Lentinano solfato, estratto dallo Shiitake, ha completamente impedito l’effetto citopatico HIV-indotto.

Controindicazioni

Lo Shiitake non presenta particolari controindicazioni, tranne che per persone allergiche ai funghi, o intolleranti a una o più sostanze contenute nel fungo. In particolare si sono verificate in alcune persone degli effetti collaterali quali prurito ed eruzioni cutanee, dovute molto probabilmente ad un’intolleranza al Lentinano. In questi casi è meglio sospendere subito l’assunzione del fungo.

  • Sali minerali: calcio, ferro, potassio e zinco;

    Tutti gli aminoacidi essenziali ed i piĂą comuni non essenziali;

    Provitamina D;

    Vitamina B2 e B12;

    Vitamina E;

    Acidi grassi insaturi;

    Eritadenina (responsabile delle proprietĂ  ipocolesterolemizzanti);

    β-Glucani (polisaccaridi ad azione immunostimolante).

    COMPOSIZIONE E PRINCIPI ATTIVI CONFEZIONE 90cps: 50% polisaccaridi apporto 450 mg, quali, lentinano edodes, betaglucani 1-3, polisaccaride kS2, glicoproteine LEM LAP, eritadenina, ferro, niacina, vitamine B1 e B2, Vitamina c 44mg.

    SHIITAKE (LENTINULA EDODES) 900 mg (DUE CAPSULE) POLISACCARIDI 50% (APPORTO IN POLISACCARIDI) 450 mg,VITAMINA C 44 mg

     

     

Inserisci Recensione:

IMPORTANTE:
Il prodotto non intende, curare o guarire malattie umane e non sostituisce ne diagnosi ne terapie, che sono atti di pertinenza del medico (in conformitĂ  al D.Lgs. 109 del 27.1.1992 e s.m.i).

PRECAUZIONI GENERALI
Non somministrare in caso di allergia ai funghi. Nei bambini al di sotto dei 6 anni di età sono a disposizione formulazioni specifiche per neonati in cui il dosaggio varia in base al peso del bambino. Conservare in un luogo fresco e asciutto. Non usare se la fascia di sicurezza è danneggiata.

Per informazioni piĂą dettagliate consigliamo sempre di consultare il vostro medico di fiducia.

Prodotti Correlati